Quali sono i criteri di scelta di un pavimento sopraelevato?

I principali criteri di scelta di un pavimento tecnico sopraelevato fanno riferimento alla resistenza meccanica, al comportamento al fuoco, alle caratteristiche elettriche e al livello di rumore al calpestio del pavimento.

Per Resistenza Meccanica si intende il carico massimo o carico di rottura del pannello che è il primo elemento da valutare. Il pavimento sopraelevato deve essere progettato e fabbricato in modo tale da offrire resistenza meccanica e stabilità, in modo che il carico che si prevede agisca su di esso durante il suo utilizzo non porti alla sua deformazione o cedimento.

Per quanto riguarda il comportamento al Fuoco, la portata del pavimento sopraelevato modulare deve essere garantita per un tempo tale da consentire agli occupanti di abbandonare i locali in sicurezza. Inoltre che lo sprigionamento e la propagazione del fuoco e del fumo siano limitati in conformità a quanto previsto dalla legislazione vigente. Le prove a cui viene sottoposto un pavimento sopraelevato sono: la resistenza al fuoco, che si effettua simulando un incendio sotto pavimento in un forno e la reazione al fuoco che si effettua sottoponendo il campione ad un innesco di fiamme provenienti dall’esterno.

Cosa si intende per caratteristiche elettriche?

Il pavimento sopraelevato può essere antistatico, conduttivo o isolante. E’ considerato antistatico quando possiede valori compresi fra 1,5 e 107 ohm x 10 10 ohm. L’antisticità, ossia la capacità di di evitare forti scosse elettriche sulle persone è soprattutto determinata dalla finitura superiore. Sono invece conduttivi i pavimenti che hanno valori compresi fra 1,5 x10 3 ohm fino a 1,5 x 10 7 ohm .

Se vengono utilizzati in ambienti con apparecchiature elettroniche molto sofisticate, è necessario che vengano realizzati con tutti gli elementi (pannello, bordo, finiture) conduttivi, senza dimenticare che il tutto va sempre scaricato a terra. Quando i valori sono superiori a 2x1010 il prodotto viene definito “isolante”.

Cosa si intende per livello di rumore al calpestio normalizzato?

Il livello di rumorosità di un ambiente, dovuto al calpestio, varia in funzione di tre elementi basici : densità del pannello – tipo di finitura superiore – altezza della struttura. La normativa SO 140 esprime, in base ad un indice di valutazione a 500 Hz il valore di dB accertati. Pertanto la valutazone del livello di isolamento acustico di un pavimento sopraelevato deve essere espressa a parità di altezza di struttura e finitura superiore.


LEGGI ANCHE

Pavimenti sopraelevati, galleggianti o flottanti sono sempre lo stesso pavimento? Quali elementi compongono un pavimento sopraelevato? Quali sono le finiture superiori utilizzate nei pavimenti sopraelevati? Differenze tra un pavimento sopraelevato per interni e uno per esterni? Come si calcola il prezzo di un pavimento sopraelevato?

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta le nostre Privacy Policy. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.
OK